Home > news >Maggio 2017 - Gelate tardive terza decade di Aprile provincia di Enna e Caltanissetta


Segnalazione anomalie meteorologiche
Gelate tardive della terza decade di Aprile provincia di Enna e Caltanissetta

Il periodo è stato caratterizzato dal ritorno del freddo intenso a seguito dell’irruzione di aria fredda di origine russo-siberiana, pilotata da un minimo sull'Europa dell'Est che si è spinta fin sulla nostra  regione.

Infatti, la Sicilia è stata interessata in pieno dalla massa d’aria fredda, che a partire da giovedì 20 aprile ha determinato un brusco calo termico sia nei valori massimi che minimi, accompagnandosi ad una sostenuta ventilazione di Tramontana e a sporadici acquazzoni che hanno interessato dapprima il versante settentrionale e poi quello orientale dell’Isola.

Praticamente quasi tutte le stazioni Sias hanno registrato la temperatura minima assoluta più bassa rilevata nella terza decade di aprile, dal 2003 ad oggi.

Come mostra il grafico, la media regionale delle minime assolute si colloca al livello più basso del periodo di rilevazione della rete SIAS (2002-2017).
A livello mensile invece, per gli anni recenti restano insuperati i valori dell'irruzione fredda dei giorni 7-8 aprile 2015.

Non solo le minime assolute ma anche la media decadale regionale delle minime ha raggiunto nel periodo 2003 - 2017 valori ai minimi della serie (Figura 1).

 

Fig. 1

 

Entrando nei dettagli di quanto accaduto nelle province di Caltanissetta ed Enna si precisa quanto segue:

al 25 aprile in entrambi i territori provinciali è stato registrato uno sbalzo termico quantificabile in 4 - 6 ° C sia nei valori massimi che minimi; in particolare, nelle giornate di venerdì 21 e sabato 22  le temperature minime hanno raggiunto valori prossimi allo zero con danni da freddo alle colture specie nelle aree di  fondovalle o in quelle più esposte; in provincia di Caltanissetta le minime più basse in assoluto sono state registrate a Caltanissetta con 1,1 °C e a Riesi con 2,3 °C nella giornata del 22 aprile; in provincia di Enna invece, segnaliamo i valori di Nicosia con 1,4 °C e di Aidone con 1,9 e 1,8 °C rispettivamente del 21 e 22 aprile. 

In merito ai dati sopra riportati, occorre precisare che la collocazione della stazioni Sias, rappresenta la situazione media di un determinato areale,per cui non evidenzia bene l'andamento delle temperature nelle situazioni di fondovalle, dove sicuramente sono stati raggiunti valori più bassi; inoltre, così come prescrivono le norme dell'OMM, le nostre temperature sono rilevate a 2 metri di altezza dal suolo.

Nei tipici eventi di gelate siano esse radiative e/o avvettive, i valori di temperatura minima rilevati in prossimità del suolo sono spesso molto più bassi (fino a 1 - 2 °C in meno) rispetto a quelli rilevati dalle stazioni a 2 m dal suolo.
Danni da freddo alle colture, soprattutto quelle a portamento basso o molto basso, sono quindi spesso elevati anche qualora i valori di temperatura a 2 metri siano poco superiori alla soglia del gelo (0 °C).
 

I danni da gelate tardive alle colture oramai in fase di piena ripresa vegetativa risultano ancora più intensi rispetto al periodo invernale, in quanto bastano temperature prossime allo zero affinché i tenerissimi germogli anneriscano e/o vengano danneggiati.

Rimandando per i dettagli alle tabelle delle temperature giornaliere minime delle allegate tabelle 1 e 2, si puntualizza che il carattere di eccezionalità per il periodo è legato soprattutto alla persistenza del freddo nelle aree di fondovalle, ai valori assoluti delle minime registrate, ed allo stadio vegetativo delle colture.

 

Foto 1 

 

Foto 2 


 

Foto 3 

 

Foto 4 

 

Foto 5 

 

Foto 6 

 

 

Tab. 1 - Provincia di CL - Temperature minime giornaliere di Aprile

 

 

Tab. 2 - Provincia di EN - Temperature minime giornaliere di Aprile