Home > Elaborazioni > Analisi Periodiche > ANALISI METEO-CLIMATICA ANNO 2005 > Umidità relativa dell'aria

Umidità relativa dell'aria

Come consigliato e indicato dalla WMO (World Meteorological Organization), l'Organizzazione Meteorologica Mondiale facente capo all'ONU, l'andamento giornaliero del numero di ore di umidità relativa alta (>80%) e bassa (<40%), ci dà un'informazione molto ricca sulla reale situazione igrometrica registrata nel corso del 2004 in Sicilia. E' infatti in parte noto che i valori massimi e minimi giornalieri di umidità relativa non sono certamente sufficienti a rappresentare bene la grandezza meteorologica in questione. Dal grafico 11, in cui è presentato, l'andamento medio decadico del numero di ore di umidità relativa alta e bassa, si evidenzia innanzitutto come l'umidità relativa sia crescente progressivamente, passando dai mesi invernali a quelli estivi; in tale grafico, meglio che in quello dettagliato giornaliero (grafico 12) sono più chiaramente evidenziati i periodi in cui ci si è discostati molto rispetto alle tendenze tipiche stagionali. 
Dai due anzidetti grafici risulta evidente come l'intero periodo estivo di quest'anno si collochi tra il 2003 e il 2004, presentandosi meno umido del 2004 ma più umido del 2003, in cui è stato invece certamente molto più elevato il numero di ore con umidità relativa bassa. Particolarmente umidi sono risultati la prima decade di aprile e la seconda decade di giugno, per ritornare a valori elevati nella seconda pentade di ottobre.
Dal grafico 12, invece, si evidenziano meglio le singole situazioni giornaliere più particolari, che si sono discostate molto dall'andamento tipico del periodo. Così si può ad esempio evidenziare bene come siano stati veramente pochi i giorni nettamente secchi. 
Il livello igrometrico dell’aria frequentemente elevato ha delineato una quadro di particolare attenzione anche rispetto a potenziali problemi fitopatologici su molte colture, sia a carico dell’apparato radicale che aereo. In particolare in molte zone della regione, tra fine inverno e primavera, si sono registrati danneggiamenti alla colture cerealicole, causate da attacchi di mal del piede o di altre malattie del colletto e delle radici.