Home > Progetti > AGROMETEOROLOGIA-DIFESA FITOSANITARIA
 

 

 

AGROMETEOROLOGIA, DIFESA FITOSANITARIA, QUALITA’ DELLE PRODUZIONI E SICUREZZA ALIMENTARE

PREMESSA
L’agricoltura degli ultimi anni è sempre più attenta all’impatto che i vari processi produttivi possono avere nei riguardi dell’ambiente e della salute degli operatori agricoli e dei consumatori.
In quest’ottica, vanno assumendo sempre più importanza tutte le innovazioni tecnologiche che tendono a migliorare le strategie di difesa fitosanitaria delle colture, principalmente attraverso l’aumento delle conoscenze dei cicli di sviluppo e dannosità dei diversi parassiti animali e vegetali (agenti biotici) e dei loro relativi rapporti con l’ambiente e con gli agroecosistemi in particolare. L’agrometeorologia, negli ultimi anni sta dando un ulteriore importante impulso alla conoscenza analitica della problematica, offrendo, grazie al recente sviluppo tecnologico nel campo dell’informatica e della telematica, soluzioni innovative nell’impostazione delle strategie di difesa, attraverso l’impiego di nuovi e più attendibili modelli di simulazione legati anche a nuove metodiche e tecniche di monitoraggio in campo. A ciò si aggiungono le nuove possibilità che la telematica offre sul fronte della comunicazione delle informazioni: internet e pagine web, posta elettronica, messaggistica SMS su telefonia mobile. 
In Sicilia, il Servizio Informativo Agrometeorologico Siciliano (SIAS), istituito con l’art. 6 della L.R. 23 del 07/08/1990 e realizzato con i fondi della misura 10.1 del POP Sicilia 1994-1999, è divenuto pienamente operativo a partire dal gennaio 2002. Dopo quattro anni di piena attività, sono oggi già consolidate molte procedure operative riguardanti il corretto e capillare monitoraggio delle variabili agrometeorologiche, le tecniche di spazializzazione territoriale dei dati, l’uso di modellistica matematica sia di tipo agrometeorologico che di meteorologia previsionale, l’integrazione delle previsioni meteorologiche numeriche all’interno della modellistica agrometeorologica, le tecniche di diffusione dei dati con i vari, nuovi strumenti telematici disponibili.
Il Servizio Informativo Agrometeorologico Siciliano (SIAS) e il gruppo di coordinamento del settore difesa fitosanitaria dei Servizi allo Sviluppo della Regione Siciliana, hanno quindi pensato ad un progetto di miglioramento delle strategie e delle tecniche di difesa fitosanitaria guidata e integrata delle colture della regione, attraverso l’uso delle più importanti innovazioni tecnologiche mature disponibili sul panorama nazionale e internazionale. 
Il progetto avrà una durata triennale, ad iniziare da gennaio dell’anno 2005, e prevede i seguenti punti principali :
- collaborazione con diverse istituzioni scientifiche competenti nei settori delle applicazioni agrometeorologiche alla difesa fitosanitaria guidata e integrata, presenti nel panorama regionale e nazionale;
- implementazione di nuova rete di monitoraggio dei principali agenti biotici che interessano le principali colture della regione, basata su criteri e tecniche che fanno largo uso dell’informatica e della telematica; 
- implementazione di recenti e innovativi modelli agrometeorologici di simulazione del ciclo di sviluppo e dannosità dei principali agenti biotici che interessano le principali colture della regione; 
- divulgazione delle informazioni sulle tecniche di difesa guidata e integrata, attraverso i vari mezzi di diffusione di massa, compresi quelli di nuova generazione: internet, posta elettronica, SMS su telefoni cellulari, emittenti radiotelevisive locali, quotidiani, ecc. 

 

OBIETTIVI
- Razionalizzare la raccolta e l’elaborazione delle informazioni sulla reale diffusione e dannosità in campo delle principali avversità biotiche a carico delle colture più importanti della regione.
- Implementazione di nuovi standard metodologici nella raccolta e elaborazione dei dati biologici, da integrare intimamente con i dati agrometeorologici nell’ambito di nuovi modelli di simulazione dei cicli di sviluppo e dannosità delle diverse avversità biotiche, al fine di razionalizzare le strategie e le tecniche di controllo guidato e integrato.
- Implementazione di metodologie e strumenti di diffusione di massa delle informazioni, anche attraverso il ricorso alle nuove tecnologie informatiche e telematiche: internet posta elettronica, SMS.

 

 

RISULTATI ATTESI
Dal raggiungimento degli obiettivi prima indicati si prevede di ottenere nel medio e lungo termine i seguenti benefici economici, sociali ed ambientali:
aumento dell’efficacia e dell’efficienza degli interventi fitoiatrici;
riduzione dell’impiego di fitofarmaci nei processi produttivi delle filiere interessate (agrumicoltura e frutticoltura, olivicoltura, viticoltura);
riduzione dei costi di gestione aziendale;
riduzione dei residui di fitofarmaci nei prodotti alimentari;
riduzione degli inquinanti nell’ambiente (suolo, acqua, ecc.);
salvaguardia della salute del consumatore;
riduzione della quantità dei rifiuti prodotti dall’agricoltura (confezioni, ecc.);
maggiore garanzia di qualità dei prodotti agro-alimentari siciliani.

 

 

ATTIVITA'

 

Rete di monitoraggio degli agenti biotici

Si implementerà una nuova rete di monitoraggio dei principali agenti responsabili delle avversità biotiche per le principali colture regionali: cocciniglia rossa forte degli agrumi (Aonidiella aurantii), tignoletta della vite (Lobesia botrana), peronospora della vite (Plasmopara viticola), mosca delle olive (Bactrocera oleae). La nuova rete sarà distribuita su tutto il territorio regionale e sarà basata su criteri di razionalità nella scelta dei siti, che mirino a ridurre al minimo indispensabile i siti di monitoraggio in funzione di aree omogenee e rappresentative dell’ordinarietà delle diverse colture.

I dati raccolti saranno inseriti in una database on line appositamente implementato all’interno dell’infrastruttura informatica-telematica del SIAS, anche al fine di garantire la massima integrazione con il database meteo-climatico e con gli strumenti di diffusione telematica delle informazioni rilevate ed elaborate.
Le metodologie di rilevazione saranno concordate e messe a punto anche attraverso la collaborazione con le istituzioni scientifiche che si andranno a coinvolgere, in funzione delle avversità, della modellistica da implementare e delle informazioni da elaborare divulgare. 
E’ previsto l’uso, e quindi l’acquisto di trappole chemio-attrattive (a feromoni sessuali) e cromo-attrattive.
In tale contesto è previsto il coinvolgimento diretto di diversi tecnici dei Servizi allo Sviluppo, operanti a livello periferico, presso le diverse unità operative.

 

Collaborazione con le istituzioni scientifiche del settore
E’ prevista la collaborazione, da realizzare mediante la stipula di apposite convenzioni, con diverse istituzioni scientifiche del settore, sia nel campo dell’agrometeorologia applicata e della modellistica, che della patologia vegetale, dell’entomologia e della fitoiatria.